Studio Legale Zecca    |    E-mail info@studiolegalezecca.com    |    Partita IVA 05007740722    |    Informativa Privacy  
Bari: Piazza A. Moro, 33  -  70122 BARI (BA)  -  Tel. +39.080.5501831  +39.080.5501832  Fax. +39.080.5501833
Roma: Via Emilio de' Cavalieri, 11  -  00198 ROMA (RM)  -  Tel. +39.06.92947263  Fax. +39.06.89280490
Milano: Via Melchiorre Gioia, 45  -  20124 Milano (MI)  -  Tel. +39.02.87186384  Fax. +39.02.93661770


@StudioZecca






...a tarda sera, improvvisamente, mentre con la mente cercavi di mettere lontano una settimana faticosa,
la Tv annulla ogni proposito e materializza incubi che vorremmo fossero solo tali,
che vorremmo tenere lontani e invece sono ormai nelle nostre strade,
nelle nostre piazze e cercano di entrare nella normalità delle nostre giornate.
Mentre le inquadrature si susseguono una dietro l'altra le voci dei cronisti diventano un lontano brusio
e i sottotitoli scorrono senza soluzione di continuità, così i ricordi diventano tutti vicini
e uno dietro l'altro passano dalle torri di Manhattan, ai prigionieri inginocchiati in tuta arancione,
agli orrori delle pulizie etniche Serbo-Croate o Hutu-Tutsi, alla strage nel campus universitario di Garissa in Kenya,
all'eccidio sulle spiagge di Sousse, al museo del Pardo, a Charlie Hebdo, al piccolo Aylan, 3 anni,
raccolto esanime insieme al fratellino di 5 sulla spiaggia di Bodrum,
a tutti, tutti coloro per i quali altri hanno deciso delle loro vite...
Non è giusto, non è giusto, ora basta, un grido muto mi chiude potente lo stomaco
e rabbioso vuole straziare ogni cosa, cancellare ogni sorriso.
Non è giusto. Odio, vendetta, no, è esattamente quello che vogliono.
Allora penso che una o cento bombe, droni, aerei non risolveranno il problema,
certo lotterò con tutto me stesso per difendere la mia famiglia, i miei amici, la mia gente, i miei ideali
e reagirò in qualunque angolo, strada o piazza dovessi sentire o vedere un solo gesto del Bataclan,
ma quello che dobbiamo trasmettere, quello che dobbiamo portare, a tutti, a chiunque, è la speranza,
la speranza di avere un progetto, di poter sognare, di poter vivere con una speranza buona, tutti...
Lo dobbiamo a noi stessi, lo dobbiamo a chi non c'è più, da Aylan a Valeria,
a chi deve continuare anche senza di loro, lo dobbiamo a tutti gli altri,
la dobbiamo ad ogni bimbo, in ogni parte del mondo, a tutti...
e senza dimenticare, portando per sempre dentro di noi chi non c'è più, continuiamo a sperare e a sognare